TORNA ALL’ELENCO PER GRUPPI

Canti biblici dal Nuovo Testamento

                 

MAGNIFICAT

CANTICO DI ZACCARIA

CANTICO DI SIMEONE

LE BEATITUDINI

INNO CRISTOLOGICO

CANTICO DELL’AGNELLO

 

 

 

MAGNIFICAT (Lc. 1, 46-55)

 

Ant.  L’anima mia magnifica il Signore

                               e il mio Spirito esulta in Dio mio Salvatore,

 

perché ha guardato l’umiltà della sua serva.

D’ora in poi tutte le genti mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente

e Santo è il suo nome.

 

Di generazione in generazione il suo amore

si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,

ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore.

 

Ha rovesciato i potenti dai troni

ha innalzato gli umili

ha ricolmato di beni gli affamati

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

 

Ha soccorso Israele suo servo

ricordando il suo amore

come aveva promesso ai nostri padri

ad Abramo e alla sua discendenza per sempre.

 

Ant.  L’anima mia magnifica il Signore 

                               e il mio Spirito esulta in Dio mio Salvatore,

 

 

 

CANTICO DI ZACCARIA (Lc. 1, 68-79)

 

Benedetto il Signore, Dio d’’Israele:

che ha visitato e redento il suo popolo.

 

Un prodigio di salvezza ci ha dato

dalla stirpe di Davide suo servo,

come nei secoli aveva promesso

per bocca dei suoi santi profeti:

 

salvezza certa dai nostri nemici,

dalla mano di ognuno che ci odia:

misericordia ha usato ai padri nostri,

s’’è ricordato della sua alleanza;

 

del suo patto col padre nostro Abramo

di liberarci dai nemici nostri,

per servire sempre alla sua presenza

senza timore in santità e giustizia.

 

Tu, piccolo figlio, sarai chiamato

profeta dell’altissimo e andrai

ad aprir le strade avanti al Signore

e al popolo annunziare la salvezza,

 

nel perdono di tutti i suoi peccati:

grazie all’’amore suo il Dio nostro

a noi dall’’alto invierà una luce,

che splenda a quanti sono nella notte,

 

a quanti giacciono in ombra di morte

e guidi i nostri passi in via di pace.

 

 

 

CANTICO DI SIMEONE (Lc. 2, 29-32)

 

Ant.:        Salvaci Signore, quando vegliamo

custodiscici quando dormiamo,

e noi veglieremo con il Cristo,

riposando nella pace.

 

Ora lascia, o Signore, che il tuo servo

vada in pace * secondo la Tua parola,

 

perché i miei occhi han visto la Tua salvezza,

preparata da Te * davanti a tutti i popoli,

 

luce per illuminare le genti

e gloria * del Tuo popolo, Israele.

 

Ant.:       Salvaci Signore, quando vegliamo

custodiscici quando dormiamo,

e noi veglieremo con il Cristo,

riposando nella pace.

 

 

LE BEATITUDINI (Mt. 5, 3-12)

 

Beati voi che ora siete poveri,

perché a voi il regno apparterrà.

 

Beati voi che ora avete fame,

perché sarete in sazietà.

 

Beati voi che ora piangete,

perché gioia ed allegrezza ci sarà.

 

Beati voi che siete perseguitati

per il nome di Gesù.

 

Gioite voi insieme ed esultate,

perché in cielo ricompensa ci sarà.

 

 

INNO CRISTOLOGICO (Fil. 2, 6-11)

 

Cristo, che è di natura divina,

non serbò per se stesso qual preda

questa sua uguaglianza con Dio:

 

fino a rendersi un nulla discese,

assumendo la forma di schiavo,

nell’’aspetto dell’’ultimo uomo.

 

Nella carne egli volle umiliarsi,

fatto in tutto obbediente al Padre

fino a morte, alla morte di croce.

 

Dio per questo lo ha esaltato

e gli ha dato la gloria di un nome

che è al di sopra di ogni altro nome:

 

e così nel suo nome, in Gesù,

tutti pieghino i loro ginocchi

sulla terra, nei cieli, negli inferi;

 

e ogni lingua confessi e proclami

che Gesù Cristo è il “Signore”

per la gloria di Dio padre: amen.

 

 

 

CANTICO DELL’’AGNELLO (Ap 4-5)

 

O nostro Dio e Signore, sei degno

d’avere gloria e onore e potenza

 

Tu hai creato l’intero universo,

per tuo volere l’’hai fatto e sussiste!…

 

Sei il solo  degno di prendere il libro

e di levare i suoi sette sigilli;

 

perché sei stato immolato, e nel sangue

hai riscattato per Dio padre uomini

 

d’’ogni tribù, lingua, gente e nazione:

e per Iddio li hai costituiti

 

di sacerdoti un unico regno

che si diffonde su tutta la terra.

 

Degno è l’’Agnello che fu immolato

d’avere ogni potenza e ricchezza,

di ottenere sapienza e forza

e onore e gloria e benedizione!